Castellinaria

Castellinaria

3 Agosto>
>
h 16.00 - Partenza dal Castello di Alvito TRE CASTELLI E UN LAGO > ASS. LA CITTÀ DEL SOLE
Gita
Itinerario storico che prevede la partenza dal Castello di Alvito e l'arrivo al centro storico di Vicalvi e ritorno, sull'antico sentiero che collegava i tre castelli e il lago. Questo è un angolo di Medioevo che si sviluppa intorno alla riserva naturale del lago di Posta Fibreno, un lembo d’Italia dove natura e storia sono incastonate, quasi a dipingere un quadro di bellezza unica. Durata due ore e mezza più soste, lunghezza circa 8 km in totale. Percorso turistico prevalentemente su sterrato adatto a tutti. Consigliate scarpe con suola sagomata. Raduno ore 16, partenza inderogabile ore 16,30, arrivo ore 19. Info e prenotazioni Giuliano Fabi 347 5070609
>
h 19.00 - Castello di Alvito SEGNALI DI FUMO
Festa di inaugurazione
L’inaugurazione del Festival sarà curata dalla Direzione artistica e organizzativa e da tutto lo Staff. Sarà un momento artistico, poetico e conviviale in pieno spirito CastellinAria!
>
h 21.30 - Castello di Alvito LA PIU’ MEGLIO GIOVENTU’ > MONTANARI/BARDANI
Spettacolo
Lo spettacolo rappresenta il lato più leggero e dissacrante della scrittura di Bardani e Montanari, con uno stile che si ispira a film come Clerks e Coffee and cigarettes e al teatro canzone di Gaber. Non mancano richiami a Woody Allen e Ben Stiller, ma anche a Pier Paolo Pasolini, Marco Tullio Giordana (“La meglio gioventù”) e Samuel Beckett (“Aspettando Godot”). Francesco e Alessandro, nei panni di loro stessi, si ritrovano a scambiare opinioni sul mondo che li circonda, a esprimere e condividere ansie del tempo attuale, parlando apertamente a ruota libera, con un’unica convinzione: “Dobbiamo sistemare le cose... Ma domani però, tanto c’è tempo...”, in un'atmosfera che vede mischiare sacro e profano. Battute fulminanti, sarcastiche, ironiche e frizzanti sono alla base dello spettacolo. Montanari e Bardani sono alla loro ennesima collaborazione. Hanno già recitato insieme nella serie tv Romanzo Criminale e in molte altre occasioni.
>
h 23.00 - Castello di Alvito OX-IN
Concerto
OX-IN è l’incontro di tre percorsi musicali paralleli e contrari. OX-IN si nutre di voce, chitarra, organetto, drum machine, synth, idee, parole, lingue incomprensibili. OX-IN è come vorremmo essere; è un disperdersi nel mondo per conoscerlo meglio. Un beat regolare e perpetuo è un terreno fertile per contaminazioni che vanno dal rock alla musica elettronica, portando l’organetto in contesti musicali totalmente nuovi, in cui convivono acustico ed elettronico, presente ed evanescente, aggressivo ed accogliente. Una band indietronica, ossia un genere proveniente dalla musica indie con tendenze al genere elettronico, rock e pop, ma anche dance e disco. Nelle performance dal vivo forzano la porta di mondi musicali apparentemente lontani, ritmi ballabili e momenti introspettivi per catturare interamente il corpo dell'ascoltatore.
4 Agosto>
>
h 18.00 - Partenza da Porta Iacobelli DA VALLE A CASTELLO > CAMPANARI DI ALVITO
Gita
Da Porta Iacobelli – la principale del rione Valle – inizia il percorso di tre chilometri alla volta del Castello, con un dislivello di 300 metri. Dalla porta citata ci si incammina per Strada Maggiore – con il suo tracciato medievale – toccando alcune delle chiese che hanno fatto la storia della città e costeggiando le mura dei Cantelmo per giungere al maniero del sec. XIV, cuore del borgo medievale da cui ha avuto origine Alvito. Tra storie e leggende, per non dimenticare il nostro passato. L’Associazione Campanari Città di Alvito nasce nel 2006; conserva e divulga la tradizione del suono manuale delle campane. Si occupa della tutela e della valorizzazione del patrimonio  storico, artistico, naturalistico e della riscoperta del centro storico della Città, promuovendone arte e cultura. Ai partecipanti è richiesta un’offerta libera. Info e prenotazioni Roberta 3400956221.
>
h 19.00 - AperinAria al Castello IL PASTORE E LE SUE ARTI > GIALLATINI/CASE MARCIEGLIE
Gita
Il mestiere del pastore è antichissimo e fatto di sacrificio, saperi e sapori. Con il laboratorio “Il pastore e le sue arti” faremo conoscere la vita del pastore a partire dai tempi antichi fino all’allevamento moderno, cosa produce una pecora e come si trasformano i prodotti. Lavoreremo la lana attraverso la cardatura e realizzeremo dei piccoli cuscini, come si faceva un tempo, che i partecipanti porteranno a casa; ci vestiremo da pastori per scoprire le cose essenziali per vivere in montagna; racconteremo la convivenza con la fauna “tata urs”; conosceremo le erbe spontanee e come venivano usate. Verrà allestita una mostra interattiva con materiali e antichi attrezzi messi a disposizione dall’Agriturismo “Le Case Marcieglie”. Prodotto finale: piccolo cuscino realizzato dai partecipanti con l’utilizzo di vecchi pezzi di stoffa e riempito con la lana da loro cardata. Tempi di realizzazione: 2 ore. Costo: euro 5,00 a partecipante (il laboratorio è dedicato alle famiglie, quindi un pubblico vario).
>
h 21.30 - Castello di Alvito TRISTEZZA E MALINCONIA > BARLETTI/WAAS
Spettacolo internazionale
C’era questa tartaruga alle Galapagos chiamata Lonesome George. Fu l’ultima della sua specie. Non ha più nulla da fare. Non biologicamente, perché non c’è nessuno con cui riprodursi né politicamente né per qualsiasi altra cosa. Solo due settimane dopo che Bonn Park ha iniziato la scrittura di questo testo, nella vita reale Lonesome George è morto.  Nel testo invece George vorrebbe tanto morire, ma questo non è possibile: così almeno gli dice la sua compagna in scena, nonché narratrice e demiurga. E’ dialogando con lei che George fornisce informazioni su di sé e sulla sua vita lunga quanto il mondo, che intraprende tentativi di nuovi esordi, nuovi accoppiamenti forzati, nuovi viaggi, mentre cambia forma e identità o contempla ripetutamente favole eterne di principi e principesse o si abbandona ad osservazioni filosofiche che girano su se stesse. Questo racconto parla di tempo, di mondo, di temi caldi, di amore, di odio, di lacrime, di tutto.  Forse si tratta di un elogio della depressione, forse il tutto è un depressivo divertissement o un depressivum filosofico. Certo è che mentre George traccia i suoi sentieri, il tempo passa e apparentemente non succede nulla. E’ un ritratto della nostra comune apatia tutta contemporanea dell’essere, del disincanto di noi animali umani svagati e filosofici perché coscienti, fin troppo, della nostra innata precarietà. Una vera e propria specie in estinzione. Fabulamundi. Playwriting Europe è un progetto di cooperazione che vede coinvolti teatri, festival e organizzazioni culturali in Europa, con lo scopo di sostenere, promuovere e divulgare la drammaturgia contemporanea dei paesi coinvolti. Il progetto è stato finanziato tre volte dalla Commissione Europea, grazie ai fondi del Culture Program 2007 – 2013 e di Creative Europe 2014 – 2020, e nel 2017 ha vinto la Call di Creative Europe 2017 – 2020 come progetto di cooperazione su larga scala. Fra il 2013 e il 2016 Fabulamundi. Playwriting Europe ha raggiunto 5 nazioni e 13 città, consolidando una rete di 16 festival e teatri. In totale, sono stati selezionati 96 autori in Europa e  sono state rappresentate oltre 200 letture e produzioni di testi teatrali tradotti nei diversi paesi, con oltre 60 incontri con gli autori e masterclass, in collaborazione con le università e le scuole di teatro; è stato realizzato un sito in 6 lingue e un catalogo online degli autori con biografie, sinossi e estratti dei testi. Il network vuole promuovere e sostenere la drammaturgia contemporanea in Europa, rafforzando le attività di chi opera nel settore e offrendo agli autori teatrali opportunità di network, incontri internazionali e sviluppo professionale. Fabulamundi. Playwriting Europe è uno dei 15 progetti di promozione finanziati dal Ministero dei Beni delle Attività Culturali e del Turismo.
>
h 23.00 - Castello di Alvito MÖBIUS STRIP
Concerto
I Möbius Strip sono un gruppo strumentale formatosi a Sora (FR) nel 2014 e composto da Lorenzo Cellupica alle tastiere, Nico Fabrizi al sax e al flauto, Eros Capoccitti al basso e Davide Rufo alla batteria. Da ottobre 2015 il progetto comincia a lavorare sui propri brani inediti, con l'intento di esplorare ed unire diversi stili musicali; in particolar modo, unendo sonorità ed improvvisazioni di matrice jazz a delle strutture compositive influenzate dal progressive rock degli anni '70, senza tralasciare l'inserimento di aperture melodiche e ricercando comunque una propria identità.
5 Agosto>
>
h 11.30 - Teatro Comunale di Alvito LA FIGURA DEL DRAMATURG > DIALOGO TRA R. M. MOLINARI E W. WAAS
Incontro aperto
Renata M. Molinari, impegnata nel laboratorio di drammaturgia “Intrecciare sguardi”, e Werner Waas, protagonista la sera prima dello spettacolo “Tristezza e Malinconia” di Bonn Park con la Compagnia Barletti/Waas, si confronteranno sulla figura del dramaturg in un incontro aperto a tutti, moderato dalla Direzione artistica del Festival.
>
h 19.00 - AperinAria al Castello IL MERCANTE DI SPEZIE AI TEMPI DI SAN BERNARDINO > CASTELLETTO DI ALVITO
Rievocazione storica
Rivivere all’interno di una bottega di un Mercante di spezie per scoprire i profumi e le essenze provenienti da ogni parte del Mondo; riconoscere quelle necessarie per la preparazione di una famosa bevanda medievale; imparare a calcolare il valore delle spezie più preziose per ottenere elevati guadagni sotto il severo controllo del predicatore francescano San Bernardino da Siena, vissuto ad Alvito nel XV secolo… Tutto questo sarà protagonista il 5 agosto. Il Progetto “Castelletto di Alvito” ha lo scopo di studiare, valorizzare e ricostruire la storia di Alvito e della Valle di Comino e prende il nome dal Castelletto di Alvito, una struttura privata in stile Neomedievale, costruita durante i primi decenni del ‘900 e appartenente alla famiglia Mazzenga, che per prima ha messo a disposizione la propria struttura per organizzare la prima giornata di eventi di ricostruzione storica.
>
h 21.30 - Castello di Alvito VIZIAMI, UN CANTO D’AMORE > CAPOCCIAMA/DE RITIS
Spettacolo debutto assoluto
Lo spettacolo, dal forte carattere performativo, racconta di un viaggio all'interno di un cuore afflitto, la ricerca disperata di una redenzione e l'assoluta necessità di una gioia che gronda dalla fronte della protagonista assieme al sangue e al sudore. L'essere che si muove sulla scena grida, si contorce e danza un fracasso che spacca i timpani e lacera lo stomaco e lo sguardo. La voce del protagonista è solamente il suono della pioggia, del gelo e delle tempeste che sferzano il cuore, spengono gli occhi e spaccano le mani. Ivano Capocciama, nato nel 1985, è attore e regista, Dottore di Ricerca in Studi Letterari e Culturali presso l’Università degli Studi di Bologna.
>
h 23.00 – Castello di Alvito CANTABOSSA > DI NUCCI/CRESCI
Concerto
La passione condivisa per lo spirito e gli stili della Bossa Nova, del Samba, dello Choro e il sound acustico ma insieme fortemente ritmico e comunicativo sono la cifra del duo di Enrica Di Nucci ed Enrico Cresci. Un incontro di generazioni unite dal grande amore per lo straordinario repertorio di Antonio Carlos Jobim, Chico Buarque De Hollanda, Carlos Lyra, Djavan e altri ancora, riproposti insieme ad alcuni brani originali dei due musicisti cantati in portoghese, in inglese e in italiano, in una sintesi espressiva che rende omaggio alla grande tradizione della musica popolare brasiliana classica e contemporanea.
6 Agosto>
>
h 15.00 – Palazzo Comunale di Alvito DISTRIBUZIONE RAGIONATA > C.RE.S.CO.
Tavolo di lavoro
Tre giornate di lavoro e di discussione a cura di CReSCo sulla possibilità di creare nuove strategie di distribuzione dello spettacolo dal vivo. C.Re.S.Co. è un coordinamento nazionale che raccoglie e rappresenta oltre 100 tra artisti, professionisti, strutture e festival che utilizzano i nuovi linguaggi della scena e si pone quale interlocutore propositivo presso le istituzioni nazionali (MIBACT) e regionali, facendosi portavoce di istanze collettive. Il Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea nasce a Bassano del Grappa (VI) nel settembre 2010, dopo un anno di lavoro da parte di un gruppo di operatori provenienti da ogni parte di Italia. Dal manifesto fondativo: “Siamo realtà che lavorano nella produzione e nella diffusione della scena contemporanea. Siamo compagnie di produzione, sale, teatri, residenze, festival, rassegne, artisti, critici e operatori dello spettacolo dal vivo diffusi e attivi su tutto il territorio nazionale”. C.Re.S.Co. è un comitato di scopo, aperto all’ingresso di nuove realtà.
>
h 19.00 - AperinAria al Castello CASTELLO DI DENARI > COTANI/PIERETTI
Spettacolo e laboratorio per bambini
C’era una volta, come c’è tutte le volte… un castello di carte dove troneggia il Re di Denari, il più avaro di tutti gli avari. Tutti i soldi che incassa non fanno altro che creargli tanti problemi, che prova a risolvere con altrettanti regali. Lo dovete scusare, perché l’ossessione dei soldi lo porta a non trovare mai un attimo per riposarsi. Per accontentare i capricci della Regina di Picche, finisce per imprigionare sua figlia, suo fratello e persino il suo cavallo.  Da questa situazione, solo il Jolly si salva, perché adora dire di sì a tutte le richieste, accontentando tutti quelli che gli propongono una nuova impresa e avventura per lui, soprattutto il re: prenderà il posto del fante, del facchino, del cavallino… ma il carceriere sarà disposto a farlo?   Il cantastorie Arabatto ha raccolto questa storia piena di colpi di scena. Per far crollare il castello di carte basterà un soffio di voce, basterà una sola parola per dire di no quando la libertà è messa in discussione.   Allo spettacolo seguirà un laboratorio in cui i bimbi, guidati da Ivo Cotani e Riccardo Pieretti, potranno costruire dei simpatici burattini da dito.
>
h 21.30 – Castello di Alvito PEZZI > RUEDA TEATRO
Spettacolo
Uno spettacolo che parla di morte, di ricordi, di paure. Che parla di legami, di dolore, di vissuti. Che parla alle madri, ai padri e ai figli. Che parla di famiglia. Che parla ad ognuno e di ognuno di noi.  Una casa. Una famiglia. Una madre e due figlie. È l’otto dicembre. L’albero di Natale va preparato.
Come fanno tutti. Come si fa sempre. Come tutti gli anni.
Rami, palline, luci, festoni.
L’albero è ingombrante.
È difficile capirsi, trovarsi, incontrarsi.
È difficile parlare, stare nel silenzio è insopportabile.
È difficile evitare di ricordare.
 Rueda Teatro nasce dall’urgenza di creare dialogo fra teatro e musica, fra regista e attore. Il processo è lungo, necessita di una ricerca costante, in cui il gruppo condivide poesie, quadri, immagini e musiche, per rafforzare e alimentare l’immaginario del regista e degli attori. L’attore ha un ruolo centrale nel lavoro, si relaziona con tutto ciò che lo circonda; la scenografia e la musica stessa si realizzano man mano che si struttura e si approfondisce il lavoro attoriale. Tutto quindi si crea partendo dall’attore, dal suo corpo e dal suo mondo emotivo e immaginario.
>
h 23.00 - Castello di Alvito SHAKESPEARE KILLS RADIO STARS > MATUTATEATRO
Concerto
Shakespeare è una rockstar, cantore di storie senza tempo. Il suo però non è un semplice concerto, né uno spettacolo, ma un sogno, un viaggio negli angoli più reconditi dell'essere umano. Così il Bardo si trasforma, diventa i suoi personaggi, ritrovandosi ad essere tutti e nessuno: diventa Macbeth e Lady Macbeth, Romeo e Giulietta, Bottom, Ofelia.  Matutateatro nasce dall’incontro tra Julia Borretti e Titta Ceccano, teatranti che raccolgono l’eredità bastarda di un teatro artigianale difficilmente inquadrabile in confini di genere. Nella loro autoformazione incontrano il teatro di tradizione e il teatro di strada, l’Odin Teatret e Mamadou Dioume, Bogdanov e Monetta, Quartucci-Tatò e il Teatro Ippocampo, Marise Flach e Mario Barzaghi, Massimiliano Civica e Ilaria Drago, Enzo Moscato e Furio Scarpelli… in un rapporto continuo e necessario con la pluralità dei linguaggi della scena.  Dal 2004 sono autori, registi e interpreti delle loro produzioni, caratterizzate da uno stretto rapporto con le altre arti e dalla rielaborazione dei codici della ricerca all’interno di un linguaggio popolare. Nel 2012 Alessandro Balestrieri, Andrea Zaccheo, Danilo Sarego ed Elena Alfonsi entrano a far parte della compagnia.
7 Agosto>
>
h 15.00 – Palazzo Comunale di Alvito DISTRIBUZIONE RAGIONATA > C.RE.S.CO.
Tavolo di lavoro
Tre giornate di lavoro e di discussione a cura di CReSCo sulla possibilità di creare nuove strategie di distribuzione dello spettacolo dal vivo. C.Re.S.Co. è un coordinamento nazionale che raccoglie e rappresenta oltre 100 tra artisti, professionisti, strutture e festival che utilizzano i nuovi linguaggi della scena e si pone quale interlocutore propositivo presso le istituzioni nazionali (MIBACT) e regionali, facendosi portavoce di istanze collettive. Il Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea nasce a Bassano del Grappa (VI) nel settembre 2010, dopo un anno di lavoro da parte di un gruppo di operatori provenienti da ogni parte di Italia. Dal manifesto fondativo: “Siamo realtà che lavorano nella produzione e nella diffusione della scena contemporanea. Siamo compagnie di produzione, sale, teatri, residenze, festival, rassegne, artisti, critici e operatori dello spettacolo dal vivo diffusi e attivi su tutto il territorio nazionale”. C.Re.S.Co. è un comitato di scopo, aperto all’ingresso di nuove realtà.
>
h 19.00 – AperinAria al Castello FUOCO, CARONTE E VENTRE > AEDO STUDIO
Musical
Ambientazione: Valle di Comino (il piccolo paese di Picinisco e i monti di Canneto) .Con la discesa in Italia di Garibaldi, la povera gente corre ad armarsi. Taluni inneggiano a “viva Garibaldo”, altri si uniscono in strada al grido di “Viva lo borbone”. È in questo contesto che nasce il brigantaggio postunitario che, fomentato dal re scacciato, aprirà un duro periodo di scontri armati, lasciando al suolo migliaia e migliaia di corpi esangui. Uccisioni, soprusi, riscatti, furti, saccheggi… questa fu la vita del brigante, odiato e cacciato dalla società. Eppure esisteva a quel tempo una forza, che vive ancora oggi e sempre vivrà, contro cui nemmeno il più rude brigante può nulla: l’amore. Il noto brigante Fuoco se lo troverà dinanzi, intraprendendo con esso la lotta più dura della sua vita. Tanti sono i quesiti che un sentimento positivo, scalfendo un cuore indurito dai delitti, può aprire. Così è per il nostro brigante, che si scopre a dover riconsiderare la sua vita, alla ricerca di un senso più profondo dell’esistenza. Se la sua ricerca abbia avuto buon esito non ci è dato dirlo, avendo il caso, o il destino, scelto di lasciare poco tempo agli ultimi pensieri dell’uomo.  L'Aedo Studio prende forma nel gennaio 2010 grazie ad un gruppo di giovani amanti delle Arti che, caratterizzati da una sorta di eclettismo e spaziando tra i più disparati campi artistici, lavorano assieme da anni per realizzare un sogno comune: vivere promuovendo la passione per l'arte e la cultura. 
>
h 21.30 – Castello di Alvito SIGNORINA, LEI È UN MASCHIO O UNA FEMMINA? > GIACOPINI/VACIS
Spettacolo
Se da bambina ti insegnano che ti deve piacere il rosa perché sei una femmina, ma a te piace terribilmente il blu, cosa succede? E se ti avevano detto che le femmine hanno la voce fatata e tu quando parli sembri il Gabibbo, cosa significa? Il mondo sembra andare in tilt e di conseguenza anche tu finisci per non riconoscerti più. Ecco che una sottile, spesso irriconoscibile violenza si insinua già tra i banchi di scuola dell’asilo, dove l’accidentale dimenticanza del grembiulino rosa può bastare a mettere in crisi un’intera identità. E quando addirittura tua madre ti suggerisce, alla domanda “Come ti chiami?”, di rispondere Marco perché, con quella voce lì, dire Gloria sembra uno scherzo, allora non c’è da stupirsi se la tua compagna di banco delle elementari vuole che tu diventi il suo fidanzatino. E se proprio lo vuole a tutti i costi e non ti è possibile persuaderla del contrario? Siamo di fronte ad un caso di violenza di una donna su un uomo? O su una donna creduta uomo? Ma... esiste?! Manca la categoria! Insomma. Non sarà che tutte queste classificazioni ci fanno dimenticare gli individui che siamo riducendo la visuale sul concetto di identità?
>
h 23.00 - Castello di Alvito FRANCESCO RINA & ANDREA AGOSTINI + IAMSEEK
Concerto
Un attore di prosa e un ingegnere informatico si incontrano e fanno musica. Nasce così il duo Francesco Rina & Andrea Agostini. Brani inediti che hanno il sapore di Cantautorato, il profumo del Jazz e un retrogusto Blues. Storie servite su un letto di 88 tasti pesati, accompagnati da croccanti corde di bronzo.
Non mancano le rivisitazioni di comuni passioni culinarie, una per tutte Tom Waits.
Si evidenzia infine un impiattamento acustico chitarra, piano e voce: essenziale ed elegante!  Gli ''IAMSEEK'' costruiscono il loro sound partendo da piano, chitarra e voce, concedendosi a distorsioni, hammond, rhodes, moog e loop station.
Il repertorio del gruppo viaggia tra cover rivisitate ed inediti con un sound personale, ricercato ma diretto.
8 Agosto>
>
h 10.00 – Punto di ritrovo comunicato al momento della prenotazione CAVALIERI DEI TRATTURI
Gita a cavallo
A cavallo, vi accompagneremo a spasso nel tempo dai Sanniti ai Romani fino ai Gallio e giungeremo ai nostri giorni tra i tratturi che portano a cantine vinicole, frantoi ed agriturismi per osservare da vicino le modalità di produzione assaggiando i prodotti locali. L’associazione “I Cavalieri dei Tratturi della Valcomino” offrirà a tutti un turismo rurale ecosostenibile, riproponendosi la riapertura, la bonifica, il collegamento e la manutenzione dei sentieri esistenti, fossi e strade vicinali di questo territorio. L'idea è realizzare dei circuiti ben indicati con tabelle che permettano a chiunque di percorrere sentieri all'interno del territorio del comune di Alvito e dei paesi limitrofi, fino in Abruzzo per raggiungere il Tratturo Regio e dare la possibilità di essere utilizzati da chiunque voglia farlo sia a piedi, sia in mountain bike che a cavallo, e voglia apprezzare in questo lembo di valle  la flora, la fauna e i sapori enogastronomici di un territorio dove le tradizioni sono rimaste invariate da secoli. Info, costi e prenotazioni Maurizio 3386773942.
>
h 15.00 – Palazzo Comunale di Alvito DISTRIBUZIONE RAGIONATA > C.RE.S.CO.
Tavolo di lavoro
Tre giornate di lavoro e di discussione a cura di CReSCo sulla possibilità di creare nuove strategie di distribuzione dello spettacolo dal vivo. C.Re.S.Co. è un coordinamento nazionale che raccoglie e rappresenta oltre 100 tra artisti, professionisti, strutture e festival che utilizzano i nuovi linguaggi della scena e si pone quale interlocutore propositivo presso le istituzioni nazionali (MIBACT) e regionali, facendosi portavoce di istanze collettive. Il Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea nasce a Bassano del Grappa (VI) nel settembre 2010, dopo un anno di lavoro da parte di un gruppo di operatori provenienti da ogni parte di Italia. Dal manifesto fondativo: “Siamo realtà che lavorano nella produzione e nella diffusione della scena contemporanea. Siamo compagnie di produzione, sale, teatri, residenze, festival, rassegne, artisti, critici e operatori dello spettacolo dal vivo diffusi e attivi su tutto il territorio nazionale”. C.Re.S.Co. è un comitato di scopo, aperto all’ingresso di nuove realtà.
>
h 19.00 – AperinAria al Castello THE VOICES
Coro Gospel
Il coro Gospel The Voices nasce nel Novembre 2013 da un'idea del Direttore Nicole Riggi, che riunì presso la sua abitazione un gruppo di cantori di sua conoscenza, essendo stata per molti anni direttrice dei cori parrocchiali di diversi paesi della provincia di Frosinone. L'idea fu apprezzata da tutti ed entusiasti iniziarono questo cammino... Inizialmente erano circa 20 i cantori e 2 i musicisti. In pochissimo tempo il numero sia di cantori che di musicisti è aumentato sempre più... Oggi il gruppo completo è composto da circa 40 coristi e 3 musicisti. Nel giugno del 2014, inoltre, Nicole e altri 5 componenti del gruppo decidono di fondare un'Associazione Culturale chiamata proprio "THE VOICES", con lo scopo di far conoscere il mondo della musica e del genere Gospel... ma non solo... anche il mondo della musica folk... pop... rock... con arrangiamenti creati e curati appositamente per i The Voices dal direttore artistico Nicole Riggi e dai musicisti Alessio Serapiglia, Emanuele Danieli e Mario Marcangelo. I The Voices dall'Agosto 2016 sono gli organizzatori di una Rassegna Internazionale di Musica giunta alla 3° edizione, che si svolgerà per la seconda volta consecutiva nel Comune di Casalvieri, in provincia di Frosinone, alla quale partecipano molti gruppi e corali da tutto il mondo.
>
h 21.30 – Castello di Alvito TRILOGIA – TRE ATTI DI VITA > EVOÈ TEATRO
Spettacolo debutto assoluto
Un trittico comico, drammatico e tragico che analizza con precisione la declinazione contemporanea di tre immagini bibliche: ULTIMA CENA, GIARDINO DELL'EDEN E PASSIONE DI CRISTO, in tre diverse situazioni di vita quotidiana dove l’essere umano è in relazione con altri e con se stesso, trovandosi o perdendosi nella ragnatela dell'esistenza. In amore, in amicizia o in solitudine l’uomo spesso si trova, per scelta o per sorte, in uno stato di infelicità. In quei momenti ogni uomo è chiamato ad operare per l'altro ma, soprattutto nella società contemporanea, non è sempre chiaro quali siano le metodologie necessarie. In una società dove tutto viene costantemente dichiarato e disperatamente cercato (posizione, amici, figli, conquiste lavorative), nella quale la nostra personalità si frammenta in una quantità infinita di "Io" informatici - ad esempio email e social media - quanto siamo davvero in grado di incontrare l'altro senza considerarlo una piccola medaglietta da appuntare sul petto della soddisfazione personale ed ego-riferita? Lo spettacolo prevede la regia e il testo di Paolo Grossi. Si tratta di un'opera prima, il debutto di un giovane regista bolzanino di 29 anni. il cast sarà composto da tre attori: Emanuele Cerra, Federica Di Cesare e Stefano Pietro De Tassis.
>
h 23.00 – Castello di Alvito PIANO PUNK CABARET > GIACOMO TONI
Concerto
Giacomo Toni inizia la sua carriera musicale nel 2005 fondando il collettivo musicale Novecento Band, una selezione di musicisti jazz, rock, punk di fama nazionale, con cui intraprende il suo primo tour italiano. Nel 2010 realizza il suo primo disco “Metropoli”, l’anno successivo esce subito con un secondo disco dal titolo “Hotel Nord-Est”, entrambi autoprodotti. Nel 2013 entra a far parte della scuderia dell’etichetta indipendente “MarteLabel” con cui farà uscire il suo terzo disco “Musica per autoambulanze” presentato con un live al Circolo degli Artisti di Roma. Giacomo ha aperto i concerti di artisti di fama nazionale quali Raphael Gualazzi, Edoardo Bennato, Francesco Baccini e John De Leo. Nel 2011 inizia un tour tributo a Paolo Conte, assieme all’artista Lorenzo Kruger (frontman del gruppo Nobraino). Il duo prenderà il nome de “Gli Scontati”. Parallelamente è compositore di colonne sonore per spettacoli teatrali, mostre d’arte contemporanea e cortometraggi.
9 Agosto>
>
h 10.00 – Partenza da piazza del Municipio di Settefrati TRA BOSCHI E ACQUE > GIALLATINI/CASE MARCIEGLIE
Gita
Una bella camminata per godere di un assaggio della meravigliosa natura del Parco nel versante laziale, adatta a chi desidera avvicinarsi alla montagna percorrendo strade sterrate e sentieri agevoli ma con uno sviluppo vario ed articolato. Dal Balzo della Rocca dedicata a Don Bosco ammireremo la Valle di Comino sottostante e le cime amiche delle Valli vicine godendo di scorci mozzafiato. Ci inoltreremo nella faggeta incantata del tratto che ci porta fino al Santuario della Madonna di Canneto. Qui storia e leggenda si incontrano, ci raccontano storie, ci meravigliano con le bizzarre forme degli alberi di Faggio, testimoni silenziosi dei passaggi millenari dell’uomo. Giunti al Santuario, edificato su un antico Tempio dedicato alla Dea Mefite, ci inoltreremo di nuovo nel Bosco raggiungendo la suggestiva cascata dedicata al Pontefice Karol Wojtila. APPUNTAMENTO a Settefrati, Piazza del Municipio. Spostamento in auto propria presso la Rocca di Don Bosco. PRANZO al sacco a propria cura. Consigliata frutta e verdura fresca, frutta secca, panino leggero con burro e miele o confettura. Sconsigliati cibi particolarmente salati e bibite gassate. EQUIPAGGIAMENTO scarponcini da trekking impermeabili (gore-tex) o scarpe con suola scolpita, cappello, guanti, pantaloni lunghi, giacca antivento, borraccia con acqua (1 lt), macchina fotografica, binocolo, occhiali da sole, crema di protezione solare, mantellina o ombrellino anti-pioggia. COSTO: 15,00 € a persona; bambini sotto i 12 anni 10,00 € Non adatto a bambini di età inferiore a 5 anni. PRENOTAZIONI e INFORMAZIONI: prenotazione obbligatoria entro il giorno precedente telefonando al 320 042 69 48 Maura Giallatini - 331 4946131 Sandra Cedrone.
>
h 19.00 – AperinAria al Castello ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE? > MAST/ IACOBONE/RISE HUB
Spettacolo con i detenuti della casa circondariale di Cassino
La nostra Alice è frutto di un laboratorio sul tempo e lo spazio, sui mondi che ci portiamo dentro in ogni luogo. Il nostro viaggio è partito da Carroll e dalle sue parole: con Angel, un giovanissimo detenuto, nei panni di Alice e Silvio, la voce dei nostri ultimi spettacoli, in quelli del Bianconiglio. Trasferimenti, uscite e terremoti vari hanno però sconvolto il nostro gruppo per ritrovarci a marzo con attori tutti nuovi. A tenere le fila il nostro narratore Pasquale, ormai attore navigato da 5 anni di spettacoli insieme, ma anche Elisabetta, quella assistente che piano piano si è trasformata in Alice, la nostra Alice. Abbiamo così ripreso l'adattamento della Jacobbi, giocato con animali parlanti, cantato, riso e sudato. Abbiamo trovato il nostro paese delle meraviglie in quella saletta al primo piano tra detenuti che ci offrono un caffè ed altri che ci osservano divertiti. Saremo in scena a pezzi, con frammenti di quello che è stato il nostro viaggio, per dare la possibilità anche al pubblico di "poter credere ancora che tutto è possibile, immaginare di saltare su una mattonella al centro della stanza e ritrovarsi nel cuore della terra. Spaventarsi per un’ombra disegnata sul muro e ridere quando cade la neve... Perché sarebbe bello essere così adulti ed eternamente bambini, capaci di giocare, emozionarsi, sovvertire gli schemi, perché non c’è nessuno schema, solo lo stupore e la curiosità".  Dopo la laurea (con lode) in Lettere e Filosofia presso l’Università di Roma “La Sapienza”, Paola Iacobone parte per l’Inghilterra, dove nel 2012 consegue un MA in Applied Theatre presso la “Royal Central School of Speech and Drama” di Londra. Tornata stabilmente in Italia, dal 2013 è attiva nel teatro sociale, in particolare nella casa circondariale di Cassino collaborando con diverse associazioni. A maggio 2018 conclude il dottorato di ricerca in Storia del teatro moderno e contemporaneo presso l’Università di Napoli “L’Orientale”, discutendo la tesi: “Teatro e carcere: analogie e differenze delle esperienze italiane e inglesi”. Lavoro che le ha permesso di seguire e collaborare con diverse compagnie di teatro e carcere in Italia e in Inghilterra, in una fusione di pratica e teoria che ha dato un apporto fondamentale al suo lavoro di operatrice teatrale. Rise Hub promuove la resilienza di comunità attraverso lo sviluppo di capacità personali, l’inclusione sociale, l’educazione interculturale, la creazione di reti sociali e lo sviluppo sostenibile del territorio.
>
h 21.30 – Castello di Alvito LE MILLE E UNA NOTTE – IV ORA > LIDELAB
Spettacolo
Questo spettacolo parte da varie domande che ci siamo poste e per aiutarci abbiamo chiesto di rispondere a nostre amiche provenienti da vari paesi del mondo:
  • Quando abbiamo preso una decisione pensando di non avere altra scelta?
  • Cos’è successo quando abbiamo litigato per una nostra scelta?
  • Quando siamo violente?
  • Cosa succede quando ci arrabbiamo?
  • Quando attraverso la rabbia abbiamo perso il controllo?
  • Abbiamo avuto il desiderio di uccidere qualcuno?
  • Come realizzare l’omicidio?
Lo spettacolo esplora il rapporto con la morte. In scena le sorelle animano con la musica un uomo/pupazzo per sperimentare il rapporto con il maschile; perdono il controllo e sono costrette ad ucciderlo. Per indagare il rapporto con la morte vengono usate ossa; ombre create da teschi e stoffa rimandano a un mondo trasfigurato che si contrappone alla realtà. Ossa di animali, che abbiamo mangiato e poi trattato per creare una nuova vita, compongono una marionetta, simbolo del passaggio dall’infanzia all’età adulta delle protagoniste. LideLab, dal danese “laboratorio del piacere e del dolore”, è un collettivo teatrale al femminile di artiste indipendenti riunite intorno al progetto “Wunderkammer, le mille e una notte”.
>
h 23.00 – Castello di Alvito MUSICA PARLATA > NME ANDREA CIMITAN
Concerto
Andrea Cimitan, conosciuto come NME (Enemy), è il maggiore esponente italiano di una giovane forma d’arte conosciuta come “beatboxing”.  I podi ottenuti in competizioni internazionali quali Grand Beatbox Battle e Beatbox World Championships sono segno della sua presenza attiva nella Beatbox community.  Con gli anni, infatti, comincia a sviluppare una nuova consapevolezza nei confronti delle tecniche del beatbox, dando il via a una serie di progetti per applicare queste tecniche in contesti artistici differenti.  “Musica Parlata” ne è il manifesto.   Tramite un excursus delle diverse tecniche vocali e della loro storia, Musica Parlata ci presenterà le nuove porte che si stanno aprendo nel mondo della sperimentazione vocale tramite il beatboxing e le affascinanti applicazioni possibili.
10 Agosto>
>
h 16.00 – Teatro Comunale di Alvito ESITI LABORATORI > DYNAMIS E RENATA M. MOLINARI
Dimostrazioni aperte
Dopo il percorso di lavoro con gli allievi della durata di sei giorni (5-10 agosto), i conduttori Dynamis e Renata M. Molinari daranno un assaggio delle metodologie e dei processi messi in atto con i ragazzi, che ne saranno protagonisti.
>
h 19.00 – AperinAria al Castello RIDI SU ‘STO C***O > HABITAS
Perfomance
Una performance irriverente che, tramite l’interazione giocosa con gli spettatori, vuole indagare i limiti e le potenzialità del politicamente scorretto nel rapporto società-individuo, avendo come base il gioco da tavola “Coco rido”, versione italiana del celebre “Cards against humanity”.   Habitas nasce all’alba del 2016 da un’idea di Niccolò Matcovich, autore e regista, e Livia Antonelli, attrice. Al duo si aggiunge, a inizio 2017, Chiara Aquaro, attrice e regista. L’origine del nome deriva dal desiderio di mettere al centro del lavoro artistico l’abitare gli spazi, concreti e metaforici, del teatro. La scelta della seconda persona vuole invece porre l’accento sul “tu” come soggetto protagonista. “Tu abiti”, quindi, è un invito universale e diretto, che coinvolge tutti i partecipanti del mestiere teatrale: artisti, tecnici e, non ultimi, spettatori. Habitas è una realtà in movimento, che parte dall’idea di condivisione totale del processo artistico, aprendo le porte a chi volesse partecipare non solo degli esiti produttivi della Compagnia ma anche della progettazione e gli sviluppi del lavoro in sala. Il lavoro della Compagnia si concentra principalmente sulla drammaturgia contemporanea, soprattutto inedita. L’obiettivo è fondere un teatro di stampo tradizionale con i linguaggi del contemporaneo, in una sintesi che abbia come cardine la comprensibilità e l’universalità di ciò che raccontiamo. Un teatro, quindi, pop-olare.
>
h 21.30 – Castello di Alvito UN PO’ DI PIÙ > BERNABÉU/COVELLO
Spettacolo
Un ragazzo e una ragazza cercano risposte sull’amore con la veemenza di un gioco, con la tenacia della preghiera. Sospesi nel tempo, viaggiano tra il ricordo e l'immaginazione dell'altro. Affrontano luci ed ombre con voce, corpo, equilibri precari ed elementi scenici che diventano percorsi, incertezze, desideri. In un immaginario che unisce la liricità del sogno, la brutalità dell'abitudine e l'inevitabilità della rottura, raccontano il saper aspettare, riconoscersi, allontanarsi e forse ritrovarsi.   Lei parigina, lui palermitano, Zoé Bernabéu e Lorenzo Covello si incontrano e danno vita ad un percorso condiviso di vita e di arte. Lo spettacolo “Un po’ di più” è, tra le varie, finalista al Roma Fringe Festival 2019.
>
h 22.30 – Castello di Alvito PREMIAZIONE VISITALVITO
Cerimonia
La Giuria del Premio VisitAlvito, costituita da compagnie teatrali della Val Comino e coordinata dalla Rete di imprese VisitAlvito, partner del Festival, conferirà il riconoscimento alla Compagnia under 33 per il miglior spettacolo.
>
h 23.00 – Castello di Alvito CARBONAIR LIVE SHOW
Concerto
I CarbonAir sono la più grande, nonché unica, air band della storia. Sono il concerto che non avete mai visto, sono la tecnica che incontra l’imprevisto.  I CarbonAir sono tutto ciò che osate fare solo sotto la doccia o in metro mentre girate con l’iPod.  I CarbonAir sono 5 musicisti con il loro strumento preferito: il proprio corpo.”   I CarbonAir nascono nel Settembre del 2011 dall’incontro di quattro attori e performer: Federico Cianciaruso, Fabio De Stefano, Michael Durastanti e Giorgio Stefanori.  Il progetto, inizialmente incentrato sulla realizzazione di video tributo ad alcune delle più famose rockband, evolve a partire dal 2014 in forma di live performance attraverso la costruzione di uno show teso a replicare in pieno stile air band e in ogni singolo dettaglio lo svolgimento di un concerto dal vivo. Alla scrittura di una scaletta eterogenea di brani e stili musicali viene dunque integrata una drammaturgia articolata in una serie di dialoghi e sketch musicali dove, attraverso l’utilizzo del playback, vengono riprodotte dinamiche tipiche del palcoscenico.  Nello stesso anno si aggiungono alla formazione originale altri due membri: Andrea Mammarella, in qualità di air-fonico di palco, e Gabriele Morzilli, in qualità di “air-bodyguard”.
>
h 00.30 – Castello di Alvito SEGNALI DI FUMO
Festa di chiususra
Attraverso un rito magico che asseconderà il claim “Segnali di fumo” e coinvolgerà tutti coloro che ne avranno desiderio, la Compagnia Habitas, Direzione artistica del Festival, insieme alla Direzione organizzativa e a tutto lo Staff saluterà il Castello e tutti coloro che lo avranno animato per la settimana di CastellinAria.
Laboratori>
>
Sala Biblioteca del Palazzo Comunale INTRECCIARE SGUARDI – Fra osservazione e attenzione, racconto e visione
a cura di Renata M. Molinari
Abitare qui, per un po’ Posare gli occhi, Muovere i piedi Cambiare posto Scambiarsi di posto Andare verso altre cose cose di altri Ascoltarle ascoltarli tacere insieme Raccontare e lasciarsi raccontare Domande capovolte “Dove sei?” “Sono stato qui” sui miei piedi su orme di altri. - Dove hai guardato? - Cosa hai visto? - Cosa era? - Dov’era? Cosa vediamo Con chi Dove siamo Quando vediamo Proviamo a intrecciare questi movimenti In silenzio, con sguardo attento R. M. Molinari Il laboratorio si inserisce in un programma di educazione allo sguardo e alla scrittura, che Renata M. Molinari conduce da anni sotto il comune denominatore di “Arte e Pratica dell’osservazione: Osservare per Scrivere – Scrivere per Vedere.” Renata M. Molinari è autrice teatrale, dramaturg e docente di drammaturgia. Osservatrice partecipe della scena italiana, a partire dalle esperienze di teatro diffuso degli anni Settanta. E’ stata interlocutrice attiva di gruppi e artisti del Nuovo Teatro e progressivamente si è avvicinata alla creazione teatrale e alla scrittura per la scena. Pioniere in Italia della figura e dell’attività del dramaturg e della sua teorizzazione, assieme a Claudio Meldolesi. Al lavoro per la scena affianca una intensa attività nella formazione al teatro. La pratica del laboratorio e la drammaturgia come pedagogia sono i perni della sua attività e riflessione teorica. Come dramaturg ha firmato spettacoli di Federico Tiezzi, Giorgio Barberio Corsetti, Marco Baliani e ha collaborato in maniera continuativa con Thierry Salmon. Ha realizzato anche drammaturgie d’attore con Luigi Dadina, Massimiliano Speziani, Giuseppe Battiston. Per la scena musicale ha composto, nel 2013, il libretto de La stanza di Lena, opera di Daniele Carnini, e per le musiche dello stesso Carnini, Un Eroe, nel 2015. Nel 2016 ha dato vita a Bagnacavallo (Ra) all’Associazione Culturale La Bottega dello Sguardo, trasformando la propria biblioteca in servizio pubblico: la Biblioteca Teatrale Molinari. La biblioteca, anche grazie a donazioni di sostenitori e cultori delle memorie teatrali, conta oggi più di 4.200 titoli, inseriti nella rete bibliotecaria nazionale. Fra le sue pubblicazioni: La vocazione teatrale (2006)), Diario dal Teatro delle Fonti (2006), Viaggio nel teatro di Thierry Salmon (2008); con Claudio Meldolesi ha scritto; Il lavoro del dramaturg (2007); con Paola Bigatto: L’Attore Civile. Una riflessione fra teatro e storia attraverso un secolo di eventi all’Accademia dei Filodrammatici (2012). A queste si aggiungono due esperienze di lavoro determinante nella sua formazione teatrale: quella del Patalogo di Franco Quadri e la collaborazione con Carla Pollastrelli per la pubblicazione in Italia dei testi di Jerzy Grotowski.
>
Teatro Comunale BRUTA – passeggiate in mondi inconoscibili
a cura di Dynamis
Quali sono le contaminazioni tra l’ambiente umano e quello animale? Vita pensata e vita vissuta? Ogni ambiente è delimitato da una bolla invisibile, nuda, esclusiva. Come gli animali siamo mancanti, possiamo vivere solo nell’ambiente che ci è capitato, il mondo ci è precluso. Inumani, manchiamo a noi stessi. I workshop Dynamis si propongono di trasferire gli strumenti dell’arte attoriale in un processo lento che stimola lo sviluppo delle capacità percettive, la costruzione di azioni coscienti, il radicamento di un approccio critico, la distanza dal pathos, il senso della bellezza e una buona dose di gioco situazionale. Attraverso i linguaggi propri del teatro e della performance, la proposta formativa si concentra sull’educazione alla consapevolezza del proprio stare fisico e mentale e sulla creazione di un alfabeto e di un linguaggio performativo personale, capace di dialogare con l’ambiente circostante. I percorsi intensivi propongono strumenti semplici e complessi per liberarsi dagli schemi individuali, in un luogo dove si privilegia l’approfondimento del processo, dove organizzazione e confronto sono la partenza di riflessioni e pratiche. Dynamis è un gruppo dedicato al teatro e alle arti performative con base a Roma e con un interesse multidisciplinare nella ricerca. I progetti sono incentrati sullo studio della relazione con il pubblico, in esplorazione di un linguaggio performativo dynamico, in continua trasformazione. I lavori prediligono il potenziale situazionale dell’atto performativo e predispongono la scena a luogo di dialogo e conflitto. Il teatro è spazio di confronto, campo di battaglia e occasione di esplorazione del disordine. Dynamis si occupa di formazione con l’obiettivo di innescare incontri, costruire luoghi dell’imprevedibile e stimolare la partecipazione dei cittadini alla proposta culturale.
Info e collaborazioni>
>
SPONSOR
Trattoria “Celeste” 338 2256637 Taverna “La cauta” 338 2256637 Ristorante Il Vicolo www.ristoranteilvicoloatina.it Molino Iaquone www.molinoiaquone.com SOGO https://sogo.it/ CIGIESSE www.cigiessecomunicazione.it Cattex https://www.cattex.com/   “Il Vicolo del critico”. Conversazioni con gli artisti a cena Dal 5 al 9 agosto il ristorante “Il Vicolo” di Atina (via Planca, 7), uno dei più apprezzati della provincia di Frosinone, ospiterà gli incontri con gli artisti “Il Vicolo del critico” a cura di Scene Contemporanee: i critici Maria D’Ugo e Andrea Zangari dialogheranno con le compagnie in scena il giorno successivo.
>
PARTNER
Fabulamundi Playwriting Europe - Pav www.pav-it.eu/fabulamundi Pro Loco Alvito https://www.facebook.com/proloco.alvito/ Rete di imprese VisitAlvito www.visitalvito.it GAL Verla www.galverla.eu SAOMS – Società Operaia di Mutuo Soccorso www.castellodialvito.it Sapienza Università di Roma https://www.uniroma1.it/it/pagina-strutturale/home Polline Fest https://matutateatro.com/ Dominio pubblico http://www.dominiopubblicoteatro.it/ Per fare il teatro che ho sognato https://saras.uniroma1.it/
>
IN COLLABORAZIONE CON
Il corso di organizzazione della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano https://teatro.fondazionemilano.eu/
>
STAND ENOGASTRONOMICI
Deep beer http://www.deepbeer.it/ Ottavio Ape pizza https://www.facebook.com/ottavioapepizza/ Lo Spuntino della Valle di Comino 339 2423287 Enoteca ¾ https://www.facebook.com/enoteca3quarti/ Caffè Martino https://www.facebook.com/soloalmartino/ FesteggiAmo di Davide Domenico Venditti 340 3776075 Azienda agricola Cedrone Donatella 335 7124815 Trattoria Celeste 338 2256637 Azienda agricola Aia nuova https://www.facebook.com/aianuova/
>
STAND ATTIVITÅ
Infopoint Festival - Critici in Aria - Che bolle in valle - Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale - Consulta dell’Accademia di Belle Arti di Frosinone - La Perla - Esposizione di maschere teatrali di Robin Summa e Angela Severino - Mercatini di artigianato 
>
CONVENZIONI VISITALVITO
La Rete di Imprese VisitAlvito, costituita da 44 commercianti lo scorso dicembre 2017, intende valorizzare attraverso un lavoro congiunto le diverse aziende del territorio.   http://www.visitalvito.it/ - AGRITURISMI Cerere https://www.agriturismocerere.it/index.php/it/ Fata Verde Orto e Locanda https://www.facebook.com/fataverdeortoelocanda/ Il Lago nella Valle https://www.illagonellavalle.it/ L’Arceto http://www.visitalvito.it/agriturismo-arceto/ Tenuta del Daino http://www.tenutadeldaino.it/ Cominium Benessere http://www.cominiumbenessere.it/ Relais Chalons d’Orange https://relaisorange.com/ Home Restaurant Il Tiglio http://www.iltiglioalvito.it/ RISTORANTI Il Covo dei Briganti https://www.facebook.com/covodeibriganti/ Agria https://www.facebook.com/ristoranteagria/ Osteria pizzeria “Dell’Orologio” https://www.osteriapizzeriadellorologioalvito.com/ Sale e Pepe https://www.facebook.com/SalePepeAlvito/ Ristopub La Baita https://www.facebook.com/pages/category/Dive-Bar/La-Baita-244852692559167/ Bar taverna La Caùta 338 2256637 Pizzeria Le Fontanelle 0776 510855 Chalet “Mi rancho” https://www.facebook.com/chalet.mirancho
>
STAFF 2019
Direzione artistica Compagnia Habitas  Livia Antonelli, Chiara Aquaro, Niccolò Matcovich   Direzione organizzativa Anna Ida Cortese   Assistente organizzazione Francesco Rina   Ufficio stampa Renata Savo   Social media manager Fabrizio Galassi e Marta Scandorza   Illustrazione Virginia Taroni   Grafica Francesco Clemente   Direzione tecnica Antonio Guadalupi   Allestimento Tablab - Roberto Fioretti e Tommaso Marenaci + Damiano Olivieri   Video e promozione sul territorio La Perla - Giacomo De Angelis e Gianmarco Testani   Critico in residenza Vincenza Di Vita “Cronache Di Vita”
>
INFORMAZIONI UTILI
Dove Castello Cantelmo di Alvito, Via Valle Romana, Alvito (Fr)     Come arrivare ad Alvito Treno: Treno Roma - Napoli, fermata Cassino (1h. e 38 min) Autobus CO.TRA.L. per Alvito (50 min.)   Autostrada: Da Roma: A1 (Milano-Napoli) uscita Ferentino. S.S. "dei Monti Lepini" direzione Sora - Cassino, bivio per Alvito (1h. e 36 min)     Quando dal 3 al 10 agosto 2019     Ingresso offerta libera     Contatti   Facebook "CastellinAria - Festival di Teatro Pop" Facebook "Compagnia Habitas" Instagram "CastellinAria Festival" (@castellinariafestivalteatropop) Info T. Niccolò +39 3283724237; Liva 3880741690; Chiara 3207457923 castellinariapop@gmail.com www.compagniahabitas.it/castellinaria

Scarica il pieghevole stampabile

Scarica

Call per il laboratorio con Dynamis

Scarica

Call per il laboratorio con Renata M. Molinari

Scarica
Facebook